Sicurezza sul lavoro, Rilievi strumentali, Qualità, Privacy, OHSAS 18001, HACCP, Ambiente

chiedi all'esperto

chiedi all'esperto

esponi i tuoi problemi ad un team di professionisti clicca qui

area download

white papers

il nostro know-how in formato elettronico clicca qui

richiedi consulenza

richiedi consulenza

compila il form per un contatto preliminare clicca qui

home servizi Qualità

Qualità

Implementazione di un sistema di gestione per la qualità conforme alla UNI EN ISO 9001:2008 e supporto tecnico per il mantenimento della certificazione conseguita.

Certificazione di Qualità: Riflessioni e considerazioni.
La necessità per un’organizzazione di gestire le proprie attività con un sistema conforme alla ISO 9001:2008 dovrebbe derivare soprattutto dalla convenienza di dotarsi di regole per la loro gestione. Tali regole non sono attuabili e gestibili se non attraverso un efficace sistema di gestione per la qualità ed un lavoro costante e puntuale dell’intera organizzazione. Recentemente, purtroppo, stiamo assistendo al dilagare di una concezione distorta sull’argomento, sicuramente dannosa per le imprese e per la qualità percepita dagli utilizzatori di beni o servizi. Il termine qualità, infatti, soprattutto nelle aziende di ridotte dimensioni, è talvolta associato ad una serie di archivi, documentazione e registrazioni che tutti, anche senza un minimo di formazione e di cognizione sulla materia, potrebbero “brillantemente” gestire o, nell’ipotesi migliore, ritenere che essa sia un compito esclusivo del responsabile della gestione del sistema qualità. Le normative di settore delle varie attività e la pubblicazione di bandi per le gare d’appalto, per la fornitura di prodotti o servizi, nelle quali sempre più è richiesta la certificazione del sistema di qualità (ISO 9001:2008) delle imprese partecipanti, sta aggravando la situazione. Molte imprese, infatti, si avviano verso la certificazione solo per bisogni contrattuali e non per scelta. Il fenomeno è ancora più diffuso nelle piccole imprese. In queste ultime è facile trovarsi di fronte ad una gestione delle attività basata su un approccio per funzioni, in cui è il responsabile qualità o il consulente di turno a farsi carico di tutto il lavoro e, in caso di loro assenza, il sistema di gestione per la qualità perde la sua efficacia. È raro assistere ad una gestione delle attività basata su un approccio per processi come quello contemplato dalla Norma e tanto promosso dagli esperti e dagli studiosi della materia. Per capire le dimensioni del fenomeno, che ritengo per antonomasia più diffuso nelle piccole imprese, è sufficiente ricordare che dal rapporto INAIL del 2000 si evince che su 1.100.000 imprese operanti in Italia, il 98% occupa meno di 50 addetti e di queste l’87% occupa meno di 10 addetti. A mio modesto avviso, invece, il termine qualità include tutti i processi dell’organizzazione, compresi quelli inerenti la gestione della sicurezza sul lavoro, la tutela dell’ambiente, il monitoraggio sui processi, la formazione del personale; in sostanza tutto ciò che contribuisce, in maniera diretta o indiretta, alla realizzazione del prodotto o del servizio da offrire. Questo è anche l’orientamento di numerose norme e linee guida, già emanate o ancora in fase di emanazione, che mirano all’attuazione di un sistema di gestione della qualità che ben si integri con quello della sicurezza sul lavoro, della tutela dell’ambiente e della responsabilità sociale dell’impresa. In alcuni casi l’implementazione di un sistema qualità efficace, seppur voluto dalla direzione, è osteggiato da lavoratori che, per le malsane abitudini consolidate nel tempo, considerano la qualità un possibile pericolo alla loro autonomia o l’inizio della fine di eventuali “nullafacentismi” all’interno dell’organizzazione. È compito della direzione non reprimere tali atteggiamenti, ma colmare questi “vuoti cognitivi” con adeguati percorsi formativi cercando di trasmettere all’intera organizzazione l’importanza e la convenienza di gestire secondo i criteri ispirati alla qualità. Per esperienza personale posso affermare che per l’organizzazione che opera in “qualità”, i risultati non tarderanno ad arrivare: essi saranno visibili e percepibili da chiunque. Infine, credo sia estremamente difficile trovare tutti d’accordo sulla necessità di operare in qualità: molte volte, infatti, la politica di un’organizzazione orientata alla qualità è soltanto compresa, ma non condivisa! “NULLA LEX SATIS COMMODA OMNIBUS EST” : non c’è Legge che torni comoda a tutti (Tito Livio 59 A.C. – 17 D.C.).

Dott. Giuliano Sardella





codice di verifica: N9W3F